fbpx

Normalmente le riviste testano i diversi prodotti premium aggiungendo, ogni tanto, un pneumatico economico per vedere come questo si comporta. Nel test di Quattroruote apparso nel numero di novembre scorso, invece, la rivista italiana ha provato 4 pneumatici economici contro un premium, per capire se effettivamente un minor prezzo significa minor qualità. Per questo motivo, Quattroruote ha acquistato, online, è il caso di sottolinearlo, quattro treni di pneumatici economici (Event Futurum Hp, Goodride RP28, Radar RP X20 e Star Performer UHP 1), oltre ad un treno di Pirelli Cinturato P7, tutti in misura 205/ 55 R16. Dopo aver montato le gomme su una BMW 118d, i pneumatici sono stati testati in pista nella frenata su asciutto, in quella sul bagnato e nell’handling sul bagnato. Il magazine scrive che già sull’asciutto si notano alcune differenze, ma è sul bagnato che la differenza emerge in tutta la sua chiarezza: tra il Pirelli e il Goodride, frenando da 100 km orari la differenza è di 10 metri. Un’eternità, se si considera che quando la macchina gommata Pirelli è già ferma, quella che monta i Goodride sta ancora viaggiando a 41 km/h. Infine, il magazine ricorda che l’etichetta europea non è completa, perché per valutare i pneumatici non bastano la resistenza e il rumore di rotolamento e la frenata sul bagnato, e che è un’autocertificazione, con tutti i rischi del caso.

Chi e' online

Abbiamo 593 visitatori e nessun utente online

Meteo

uniroyal

pirelli

Questo sito usa i cookie di terze parti per migliorare i servizi e analizzare il traffico. Le info sulla tua navigazione sono condivise con queste terze parti. Navigando nel blog accetti l'uso dei cookie. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information